La sezione Melosofie tratta la musica classica, corale, lirica ed etnica attraverso interviste, recensioni ed articoli.

Una delle peculiarità di Morfoedro è quella di riservare, in ogni sezione, uno spazio dedicato alla poesia che "dice" i luoghi e la memoria e che parla delle e alle altre arti. In Melosofie la poesia usa suadenti sassofoni ed arpe celtiche, nacchere e violini e gusli per cantare.

Melosofie

Interviste Recensioni Articoli Opere Comunicati stampa

Vetrina

Articoli

I funamboli smarriti di John Giallo di Alexandre Rodichevski e Gloria Chiappani

Musica e versi in una preziosa edizione Pulcinoelefante, la casa editrice di Alberto Casiraghi che, nel ventunesimo secolo, stampa esclusivamente a caratteri mobili.

Tutto l’articolo

Articoli

Concerto di debutto di un'arpa Erard modello unico Luigi XVI del 1908

Appena restaurata e splendidamente suonata da Giuliano Marco Mattioli, è tornata a vivere il 25 settembre 2016 a Palazzo Arese Borromeo di Cesano Maderno (Monza e Brianza), nell'ambito della serie di eventi Ville aperte in Brianza.

 

Tutto l’articolo

Articoli

Un interessante progetto del Grace O'Malley Quartet intorno a Francesco Saverio Geminiani, musicista italiano in terra irlandese

Vissuto fra la fine del Seicento e la metà del Settecento, il violinista e concertista toscano rivive nelle esecuzioni di un ensemble dal piglio originale.

Tutto l’articolo

Articoli

Il Ravello Festival 2016 ha quest'anno un direttore artistico anche per la danza: Laura Valente

Come sempre un'offerta di nomi prestigiosi, ma con una novità assoluta: una co-direzione artistica interamente dedicata a Tersicore. Il direttore musicale è Alessio Vlad

Tutto l’articolo

Articoli

L'eccellenza "infinita" di Vincenzo Zitello

È uscito l'ultimo CD dell'arpista e polistrumentista di fama mondiale Vincenzo Zitello, Infinito, che parla delle stagioni e degli elementi con un linguaggio musicale raffinatissimo e di raro fascino.

Tutto l’articolo

Interviste

Intervista ad Ara Malikian, violinista di fama mondiale e direttore del quartetto PaGAGnini

«La musica? Uno strumento che rende gli uomini felici.»

«Paganini è stato la prima rock star della storia della musica.»

Tutto l’articolo

Interviste

Un fantasma ha "preso vita" dalle note di Joe Schittino e dalla penna di Martina Fragale. Intervista

Hercule le Funambule ou le fantôme du portemanteau: l'ultima riuscitissima "commedia spiritica in due atti" del musicista siciliano.

Tutto l’articolo

Comunicati stampa

"Portraits’ Collection": ogni ritratto un mondo sonoro

La collana discografica nata dalla mente geniale di Floraleda Sacchi, arpista raffinata ed eclettica, per "ritrarre" in ogni CD un compositore.

Tutto l’articolo

Opere

Siluemi

Questo album esce da un laboratorio di composizione musicale, in cui l'autore trasforma in musica oggetti apparentemente estranei ad essa: spazio, numeri, funzioni, figure geometriche.

Tutto l’articolo

Comunicati stampa

Pointes on music – Punte in musica di Mariella Ermini e Igor Zapravdin

Un elegante cofanetto che contiene un libro bilingue e tre CD con rarità del repertorio di Cesare Pugni e Riccardo Drigo.

Tutto l’articolo

Interviste

Intervista al musicista Claudio Milano

Contaminazione: un termine a volte scomodato inutilmente, un traguardo o un punto di partenza?

È un traguardo quando è un punto di partenza, ovvero, quando ha in sé tanti sviluppi possibili.

Tutto l’articolo

Articoli

Il Museo Teatrale alla Scala

Pensavate che il Museo Teatrale alla Scala fosse solo un luogo per intenditori? O un'esperienza esclusiva per gli appassionati della musica? Ricredetevi: è una fonte ricchissima anche per gli appassionati della storia di Milano, per gli amanti della cultura e per i curiosi in genere.

Tutto l’articolo

Recensioni

Impressioni sonore fra numeri e note

È un figlio del suo tempo, Alexandre Rodichevski, un rappresentante della democrazia di gusto che non concepisce steccati fra stile classico e musica pop, un cosmopolita che viene dalla Russia ma non traduce nulla delle proprie origini nella sua musica, un uomo nato in un mondo fortemente permeato dalla centralità della scienza e che al tempo stesso, nella scelta delle sue tematiche, sembra – da figlio di una società profondamente sofisticata e lontana dalle sue origini – voler tornare all’atavica semplicità delle radici.

Tutto l’articolo