Un'arpa che chiede il piacere

╚ quella di Giuliano Marco Mattioli, fine esecutore e didatta, che lo afferma in un CD

Diplomatosi nel suo strumento prima e laureatosi cum laude in Discipline musicali a indirizzo solistico-interpretativo poi, Ŕ sostenuto da un eclettismo che gli fa battere la via della ricerca

La copertina del CD.

Brani di musica leggera e tratti da celebri film, che Mattioli ha superbamente eseguito nel suo CD The harp asks pleasure first. Refined pop music.

Un titolo e un sottotitolo che rendono chiaro l'intento: proporre arrangiamenti raffinati, per arpa sola, di buona musica leggera e da film, che facciano risaltare la voce e le possibilitÓ espressive di questo affascinante strumento. Senza trascurare il piacere, che ľ anzi ľ viene prima di tutto. Mattioli ha infatti raccolto nel suo CD un repertorio che propone in performance quando le occasioni si prestano (come durante la Mostra mercato della bresciana Bienno, di cui Ŕ da qualche anno arpista ufficiale) o che suona per puro piacere personale: da Feelings a Yesterday, passando per Summertime, su su fino a The heart asks pleasure first, uno dei due temi principali del film The piano (Lezioni di piano). Si tratta del titolo del brano di Michael Nyman sul quale gioca Mattioli per affermare che, come il cuore, anche l'arpa chiede in primis il piacere. Del resto, se, della musica, non si asseconda il piacere, il rischio Ŕ quello di inaridirsi in esecuzioni anche tecnicamente impeccabili, ma che privano di spazio l'emozione.