I funamboli smarriti di John Giallo di Alexandre Rodichevski e Gloria Chiappani

Pulcinoelefante, 2016

 

Il libretto. 1

La musica. 1

La poesia. 1

Per saperne di pi¨. 1

 

Il libretto

La copertina di áI funamboli smarriti di John Giallo.

Musica e versi in una preziosa edizione Pulcinoelefante, la casa editrice di Alberto Casiraghi che, nel ventunesimo secolo, stampa esclusivamente a caratteri mobili.

Il libretto contiene un CD musicale di Alexandre Rodichevski e una poesia di Gloria Chiappani ed Ŕ il frutto di un invito di Casiraghi ai due autori, in vista dell'evento 7 "Pulcini" per Stradivari, ideato dall'erede del grande liutaio cremonese (notizie qui e qui).

La musica

"Il pezzo Ŕ dedicato ai disegni di Alberto Casiraghi", spiega Alexandre Rodichevski. "Essi sono di apparente semplicitÓ ma carichi di significato. La mia attenzione Ŕ stata attirata dagli equilibristi: figure umane che si trovano goffamente in bilico alla ricerca dell'impossibile, come ad esempio il moto perpetuo o il sollevare se stessi da terra tirandosi su per i propri capelli o lo srotolare davanti a sÚ la fune su cui camminano.

Il pezzo Ŕ composto per violino e orchestra da camera. All'inizio e alla fine uso ripetitive frasi musicali in scala esatonale per descrivere un moto perpetuo senza punti di riferimento. Oltre agli archi, impiego i legni e i timpani per marcare la goffaggine e l'inquietudine dei movimenti. La parte centrale invece Ŕ lenta e lirica. ╚ possibile ascoltare il pezzo nel mio canale youtube.com/suonarelamatematica."

La poesia

"Da sempre," racconta Gloria Chiappani, "amo i disegni di Alberto Casiraghi: funamboli, uomini-albero, esseri viventi dotati di un'allarmante proboscide o con una toppa per la chiave in mezzo al corpo... Sono disegni di toporiana memoria, che proiettano chi li fruisce in un mondo tanto misterioso quanto inquietante.

Questi disegni e la musica di Alexandre dedicata agli equilibristi di Casiraghi mi hanno ispirato alcuni versi dove mi figuro i funamboli che saltano inebriati sull'archetto di Stradivari, s'aggrappano spaesati al cavigliere e infine - impazziti - smarriscono la via all'interno del violino del grandissimo liutaio cremonese."

Per saperne di pi¨

- su Alberto Casiraghi, la narrazione di un magico incontro e un'intervista:

http://www.morfoedro.it/doc.php?n=1457&lang=it

http://www.morfoedro.it/doc.php?n=1459&lang=it

- su Antonia Stradivari, erede del liutaio cremonese: http://www.antoniastradivari.com/

- sull'opera musicale di Alexandre Rodichevski: http://www.morfoedro.it/doc.php?n=1646&lang=it