La sezione Tersicorosofie si occupa di danza classica, moderna e postmoderna, avvalendosi di interviste, recensioni ed articoli.

Morfoedro riserva una particolare attenzione alla danza attraverso tre "Speciali" dedicati al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro Massimo di Palermo e alla danza a Napoli e dintorni. L'1 dicembre 2006 ha inoltre inaugurato il primo forum, moderato da Lilli Alù, già responsabile degli Affari Generali del Teatro Massimo di Palermo e del coordinamento del Coro di Voci Bianche e dei Piccoli Danzatori della Fondazione.

Una delle peculiarità di Morfoedro è quella di aprire, in ogni sezione, uno spazio dedicato alla poesia che "dice" i luoghi e la memoria e che parla delle e alle altre arti. Anche in Tersicorosofie, dunque, la poesia ha voluto esserci e farsi portavoce della danza, parlando di Antonio Gades e delle divine Isadora Duncan, Pina Bausch, Carolyn Carlson.

Tersicorosofie

Interviste Recensioni Articoli Opere Comunicati stampa

Vetrina

Articoli

Insegnare la danza: ecco un biennio di formazione presso la Scuola di danza del Teatro dell'Opera di Roma

La Fondazione Teatro dell’Opera di Roma Capitale ha indetto una selezione per l'ammissione al "Corso biennale di formazione per insegnanti di danza classico-accademica.

La scadenza per la presentazione della domanda di ammissione è il 23 giugno 2018.

Tutto l’articolo

Articoli

Arenzano (Genova) accoglie la danza in un festival diretto da Patrizia Capassi

Una sei giorni (2-7 luglio 2018) per dar modo alle nuove generazioni di seguire le celebri orme di chi li ha preceduti.

Renata Calderini, Stephane Fournial e Oleg Vinogradov, i premiati.

Tutto l’articolo

Opere

Passi di bellezza di Gloria Chiappani Rodichevski

Racconta la fotografia e la danza, l'ultima opera di Gloria Chiappani Rodichevski.

Passi di bellezza è un'opera intrisa dell'emozione di vivere l'Arte, che arriva diritto al cuore.

Tutto l’articolo

Interviste

Intervista a Luciana Savignano

Quando, alla fine dello spettacolo, si scende dal palcoscenico e non c’è più un occhio di bue (metaforico o reale) che segue, si continua ad essere fotogenici e si può parlare di una fotogenia interiore?

Quello è il momento della verità. Quando termina uno spettacolo, il ballerino ha dato tutto ed è esausto: sentendosi svuotato, resta lì con la sua fragilità.

Tutto l’articolo

Opere

Profili della danza

L'ultima composizione musicale di Alexandre Rodichevski: un brano musicale dedicato a Giovanni Di Palma e a Felix Aarts.

Tutto l’articolo

Interviste

Intervista a Carla Fracci

Lo specchio è uno strumento fondamentale per un ballerino. Ma non ha solo una valenza fisica: è spesso profonda e poliedrica metafora (specchiarsi per dialogare con se stessi, ritrovando la propria anima; l’occhio del fotografo che è specchio nel quale riflettersi; eccetera). Che cos’è lo specchio per lei?

Lo specchio è contemporaneamente il fratello buono e quello cattivo. Guai ad annegarsi nello specchio come fa Narciso!

Tutto l’articolo

Opere

Ossessione multimediale

La ballerina giapponese Yuki Imaizumi ha interpretato con una propria coreografia un lavoro inedito della giornalista e scrittrice Gloria Chiappani Rodichevski.

Tutto l’articolo